FederSicurezza


FederSicurezza, Federazione del Settore della Vigilanza e Sicurezza Privata, promossa da Confcommercio Imprese per l’Italia, è  stata costituita il 16 febbraio del 2005 su iniziativa delle due allora principali associazioni di categoria, Assvigilanza e Univ, autorevoli ed apprezzate sigle del comparto nazionale.

La Federazione nasce come organismo di rappresentanza unitaria del settore, con l’obiettivo di costituire un efficace ed unificante raccordo sindacale delle diverse strutture associative esistenti nell’ambito della sicurezza complementare italiana, e si caratterizza come momento di sintesi delle varie specificità imprenditoriali riconducibili al comparto.

FederSicurezza rappresenta così un buon 50% degli istituti di vigilanza e del trasporto valori che operano nel mercato nazionale, oltre l’85% delle aziende italiane della radiolocalizzazione satellitare ed almeno il 40% , con una tendenza in crescita, delle imprese di servizi integrati della filiera della sicurezza complementare, per un totale di circa 700 aziende (costituite per più del 60% da istituti di vigilanza privata) che occupano più di 55.000 addetti (di cui il 50% circa attivi nella vigilanza), con un fatturato annuo superiore ai 3 miliardi di euro.

La Federazione, che oggi associa Univ, Assvigilanza, Anssat e PiùServizi, opera per la tutela, la salvaguardia, la promozione e lo sviluppo delle proprie imprese, oltre che a sostegno dell’intero comparto della vigilanza e sicurezza privata e di quello, strettamente connesso, delle aziende e dei professionisti che forniscono tecnologie, metodologie, strutture ed impianti per la sicurezza, senza trascurare il variegato mondo imprenditoriale dei servizi di sicurezza non armata.

FederSicurezza è accreditato interlocutore, per citare solo alcune tra le più importanti Istituzioni, della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Politiche Europee, del Ministero dell’Interno (nel cui ambito partecipa alle Commissioni Consultive di settore e con il quale ha firmato innovativi Protocolli d’intesa, come il “Mille Occhi sulle città”), del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del Ministero delle Comunicazioni, dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, della Banca d’Italia e dell’ABI.

E’ inoltre importante segnalare come FederSicurezza partecipi, unitamente ai propri associati Univ ed Assvigilanza, alla stipula dei CCNL di categoria e, particolarmente, al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata, attualmente in fase di rinnovo.

La Federazione, impegnata in un’attività di complessiva revisione dell’impianto contrattuale, fornisce al sistema confederale e alle Ascom assistenza e consulenza sui temi connessi all’applicazione dei CCNL di riferimento. FederSicurezza, anche in questo all’avanguardia nel mondo delle categorie confederali, è stata poi tra le prime ad adeguarsi al moderno, efficace e funzionale modello organizzativo e statutario delle federazioni di settore promosso dalla Confcommercio.

La riconosciuta attenzione della Federazione rispetto agli standard operativi e ai percorsi formativi dell’intera filiera della sicurezza è testimoniata anche dal suo fattivo impegno in seno all’UNI, Ente Nazionale Italiano di Unificazione, in veste di Socio e attivo collaboratore nell’ambito di numerosi e qualificanti gruppi di lavoro.

FederSicurezza, che sin dalla nascita ha prestato particolare attenzione al quadro di riferimento europeo, così come alle dinamiche imprenditoriali e ai processi normativi di principale impatto sul mercato interno, rappresenta da sempre, in via esclusiva, il nostro Paese all’interno di CoESS, la Confederazione Europea dei Servizi di Sicurezza, nel cui Board of Directors ed Executive Committee ha rivestito e riveste ruoli di elevata responsabilità, compresa la Vice Presidenza, assunta per ben tre mandati.

Per offrire supporto ai propri associati anche con strumenti di pronto uso aziendale, la Federazione realizza e pubblica, dal 2009, la Collana Editoriale “Quaderni FederSicurezza”, che conta, allo stato attuale, una quindicina di titoli, che analizzano e illustrano le tematiche giuslavoristiche di più spiccato interesse per gli operatori del settore.

FederSicurezza, infine, ha realizzato e presentato nel 2008 il primo Rapporto nazionale sul settore, con cui ha analizzato realtà e scenari della vigilanza privata italiana nel contesto europeo, proseguendo poi nel tempo con successivi Rapporti annuali e con la realizzazione di ulteriori ed apprezzati Studi ed approfondimenti, professionali e scientifici, sul comparto.

Nel 2014/2015 FederSicurezza ha avviato il Roadshow itinerante “Vigilanza privata 3.0: innovare l’attualità? Occhi puntati sul futuro prossimo”, ad oggi svoltosi già a Firenze, Verona, Salerno e Roma, che si concluderà sul finire del 2015 con un evento nazionale di chiusura a Milano, in occasione del quale idee, proposte e sollecitazioni emergenti direttamente dai territori saranno raccolte, analizzate e  presentate al pubblico.